La prima Amici collection: 1992

Così ci mettemmo a fare la prima collezione, “Arti e Mestieri 1992”: Matteo fece un disegno molto bello, io fotografai le mie cravatte con alcuni inserti in oro, Luca Missoni, amico di Matteo, ci fece la sua “Planet Coffee” e Mino Fusco, il designer della X9, e Maurizio Cargnelli fecero altri due decori.

Un architetto, Matteo, uno stilista, Luca, un fotografo, io, un grafico, Maurizio, uno scultore, Mino… mi mancava il sesto… e doveva essere un pittore.

Quando dissi a Paolo Cervi Kervischer che mi avrebbe dovuto fare un nudo disteso come li faceva Modigliani gli venne un colpo:

Ma tutti i nudi che ho sempre fatto in vita mia sono sempre stati in piedi: come faccio?

In quei tempi un suo collezionista gli aveva dato in uso una enorme villa a Trieste con stanzone enormi completamente vuote: muri, porte e pavimenti e nulla più!
Un giorno arrivai nella villa e, con mia sorpresa, percorsi tutte queste stanze… il cui pavimento era cosparso di decine e decine di prove di ciò che sarebbe diventata Toon-Gee. Il nudo di Paolo per la mia prima collezione di tazzine d’artista.

Ancora oggi, dopo un quarto di secolo e molte centinaia di tazzine dopo Toon-Gee, sono convinto che quelle centinaia di bozzetti, prove e riprove con cui aveva tapezzato la villa, quelle centinaia di ore che Paolo ha dedicato a questo progetto, hanno prodotto la più bella tazzina Amici Collection che sia mai stata fatta. Bravo Paolo!