Le tazze di amici

Le collezioni delle tazze Amici, Poi ti spiego e MOU incarnano una pietra miliare nella storia di Amici. Francesco Illy ha dato vita a questa idea in collaborazione con famosi artisti e designer. Spinti da una profonda ispirazione, gli artisti, che rappresentano ambienti e correnti molto diverse, trasferiscono i temi più disparati sul tazze di porcellana.

Numerati e firmati, questi oggetti da collezione hanno suscitato l’entusiasmo dei collezionisti di tutto il mondo per più di venti anni. A intervalli regolari, la gamma si arricchisce inoltre di nuovi esemplari:

Amici Collection

Quando la cultura diventa arte. Con il suo design, la tazzina è dedicata al consumatore in modo che possa godere di un incomparabile piacere nell’assaporare il momento del suo caffè. Realizzato da piccoli laboratori d’arte, questa collezione è stata creata nel 1992. L’originale tazza bianca di Matteo Thun è tanto semplice quanto perfetta. Questo oggetto di grande bellezza, con la sua maniglia e le sue caratteristiche che mettono in risalto la sua semplice eleganza, è diventato un mezzo di espressione per rinomati artisti contemporanei e giovani talenti. Ognuno in una personale interpretazione e con una grande immaginazione durante il rinnovo di un piacere condiviso quotidianamente dagli amanti del caffè.

Poi ti spiego

Eleganti, sottili, delicate e sensuali. Queste coppe sottili, dalla linea molto leggera, raccontano una storia affascinante il cui disegno continua a perseguire. Grandi artisti danno alla serie “Poi ti spiego” il suo volto unico. “Poi ti spiego” o “Ti spiego dopo”, presenta una storia pregna di grazia infinita.

Collezione MOU

Con un design semplice, queste tazze sono prive di maniglia e sono accompagnate da un’insolita eleganza. La raccolta MOU è opera di due artisti: Karl Kreger ha dato la propria interpretazione includendo chicchi di caffè in rilievo sulla porcellana per creare l’illusione che la coppa stia già rilasciando il sapore intenso del caffè, anche se vuota. Nella collezione che porta il suo nome, Ron Anderson ha invece dato libero sfogo al suo linguaggio colorato con quattro soggetti. Da allora, nuovi artisti si sono uniti per aprire nuove dimensioni per la loro vena creativa: Claude Sandoz con disegni ispirati dai Caraibi e Martin Bühler con la Collection Haiku.