La signora che rubò la tazzina

Quando le tazzine arrivarono nei bar italiani tutti le volevano. In verità io avevo pensato che avremmo dovuto venderle a chi le voleva, ma il nostro marketing voleva soltanto mettere delle belle tazzine sui banchi dei bar nostri clienti.

Così la gente, pur di averle, iniziò a rubarle ed io dovetti lottare con il marketing perché ne facesse un prodotto (che poi diventò un successone).

La storia più divertente è quella di una elegantissima signora che entrò in un nostro bar e, ordinando il suo caffè, disse:

Lo voglio in quella tazzina… si, si, proprio quella lì…

Il barista la servi ed incassò per poi dedicarsi ad altre cose. Ma quando il suo sguardo si rivolse nuovamente alla porta del bar… vide la signora che si allontanava… lasciando una scia di caffè che le colava dalla borsetta: nella tensione di rubare la tazzina si era scordata di bere prima il caffè! (Ovviamente il barista la lasciò andare…)